ACCEDERE AGLI ATTI

E’ il diritto di prendere visione e di estrarre copia dei documenti amministrativi. Si considera documento amministrativo ogni rappresentazione grafica di atti formali, creati dalla Provincia o dalla stessa utilizzati per svolgere l’attività amministrativa.

• Chi può chiedere l’accesso

Puoi presentare la domanda di accesso se sei titolare di un interesse:

  • diretto, ossia personale, che deve cioè appartenere alla tua sfera e non ad altri soggetti
  • concreto è necessario un collegamento tra te ed un bene della vita coinvolto dall'atto o dal documento
  • attuale in riferimento alla richiesta di accesso ai documenti
  • corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale chiedi l'accesso

  

Come va presentata la domanda

Puoi presentare la domanda di accesso direttamente oppure avvalerti di un rappresentante che dovrà indicare nella domanda i propri poteri di rappresentanza.

Ricordati di motivare la richiesta (in relazione alla sussistenza di un collegamento diretto tra la situazione giuridica da tutelare e il documento al quale richiedi l’accesso) e che puoi richiedere l’accesso anche a più documenti. Se sei il destinatario del provvedimento finale o un soggetto che per legge deve intervenire nel procedimento, la motivazione non è necessaria.

La domanda di accesso deve contenere i seguenti elementi:

  • nome, cognome ed indirizzo
  • l’indicazione dei documenti cui vuoi accedere e di tutti gli altri elementi necessari per l'identificazione degli stessi
  • la motivazione, se necessaria
  • il modo in cui intendi esercitare l’accesso (visione, trascrizione manuale, estrazione di copia, esperimento congiunto di tali operazioni)
  • l’indicazione in ordine all’eventuale rilascio di copia conforme all’originale
  • la data e la tua firma

La domanda non è soggetta all’imposta di bollo, salvo il caso in cui tu richieda copia conforme all’originale ( copia autentica ) di un documento. In questo caso dovrai apporre la marca da bollo sia sulla domanda di accesso che sulla copia conforme rilasciata.

A chi va presentata la domanda

La domanda va presentata all’amministrazione che ha formato il documento o che lo ha comunque utilizzato per svolgere l’attività amministrativa.

Le decisioni dell'Amministrazione

La Provincia deve rispondere alla tua domanda di accesso agli atti entro trenta giorni dalla data di ricevimento della medesima: se tale termine scade senza che ti sia pervenuto nulla, la domanda si intende rifiutata.

In caso di irregolarità o incompletezza della domanda, l’amministrazione deve consentirti di regolarizzarla. La richiesta di regolarizzazione sospende i trenta giorni a disposizione della Provincia per decidere in merito. La sospensione decorre dalla data di invio della richiesta di regolarizzazione  fino al ricevimento di quanto richiesto, o comunque fino alla scadenza del termine che ti è stato assegnato per regolarizzare la domanda.

 

Accoglimento

L'accoglimento ti viene comunicato con mezzo idoneo a comprovarne la ricezione e deve indicare:

  • l’ufficio presso cui è possibile accedere ai documenti
  • l’orario di apertura al pubblico
  • il termine di quaranta giorni entro entro il quale devi esercitare il diritto di accesso

Accoglimento parziale (o limitazione dell’accesso)

La Provincia, con provvedimento motivato, concede l’accesso limitatamente ad una o più parti del documento oggetto della tua domanda e non allo stesso nella sua interezza.

Differimento

La Provincia, con provvedimento motivato, nega l’accesso per un periodo di tempo determinato - indicato nella risposta alla tua domanda – nel caso di documenti la cui conoscenza possa impedire o gravemente ostacolare lo svolgimento dell’azione amministrativa. Il provvedimento indica la data a partire dalla quale puoi accedere ai documenti richiesti nonchè i rimedi che puoi utilizzare contro il differimento.

 

Non accoglimento

La Provincia, con provvedimento motivato,  rifiuta l’accesso. Il provvedimento indica anche i rimedi che puoi utilizzare contro il rifiuto.

In caso di non accoglimento

Contro i provvedimenti di rifiuto (espresso o tacito), ma anche di differimento dell'accesso, puoi presentare ricorso in sede giurisdizionale al Tribunale regionale di giustizia amministrativa di Trento, oppure ricorso gerarchico amministrativo alla Giunta provinciale. In alternativa a quest’ultimo, potrai anche presentare richiesta di riesame al difensore civico, entro trenta giorni dal provvedimento di diniego o di differimento